Ci siamo trasferiti a questo indirizzo: http://themorrigan.forumfree.net/
Vieni a trovarci sul nuovo forum!



 
PortaleIndiceGalleriaChatGuestbookFAQCercaRegistrarsiAccedi

Condividere | 
 

 Taranis / Iuppiter

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
g0rka
Admin
Admin


Femminile Numero di messaggi : 2013
Età : 27
Localizzazione : Avvolta dalle fiamme di Loki
Titoletto Personale : g0rka the trickster
Data d'iscrizione : 09.12.07

MessaggioOggetto: Taranis / Iuppiter   Ven Giu 19, 2009 1:15 pm

E' curioso il posto che i Galli riservano a Iuppiter. Lo considerano il re degli dèi, com'è giusto che sia, ma nel mito e nel culto non gli dànno grande importanza. Di ciò diede testimonianza il divo Cesare nei commentari delle sue campagne. Nel citare i cinque principali dèi gallici, Cesare dice che è Mercurius il dio che i Celti adorano sopra ogni altro, e che solo dopo di lui seguono Apollo, Mars, Iuppiter e Minerva.

Può sembrare bizzarro, che questi barbari assegnino un posto più che secondario al dio che è signore e padrone di tutti gli dèi, ma ciò non deve far pensare che i Galli siano ignoranti in fatto di religione, materia in cui, anzi, sono molto versati. Questa minore importanza che essi assegnano a Iuppiter non è da considerarsi un'empietà, ma solo un diverso approccio alle potenze divine.

Per il resto, lo Iuppiter gallico non differisce molto dal nostro Iuppiter. È un dio celeste nel suo aspetto più sublime e terrifico, ma anche un dio del tuono e della pioggia vivificante. Il suo albero sacro è la quercia, e anche in questo i Galli sono concordi con i Greci e i Romani.

Da quando le Gallie sono state sottomesse, Iuppiter viene rappresentato con i soliti attributi classici: lo scettro, il fulmine e l'aquila. Tipicamente gallica è invece la ruota che il dio porta con sé, che talvolta impugna, a cui altre volte sembra appoggiarsi. Questa ruota, che ha un numero variabile di raggi, rappresenta forse il corso dell'anno, ma più probabilmente il rombo del tuono tra le nuvole.

EPITETI:

Non solo molti gli epiteti che i Galli hanno attribuito a Iuppiter, a questo loro re degli dèi, soprattutto confrontandoli con tutti quelli attribuiti a Mercurius o a Mars.

Di questi epiteti, alcuni sono di origine gallica; tra questi è molto importante quello di Taranis, il tonante. Altri epiteti i Galli li hanno presi dal culto romano, come quello, diffuso nelle zone romanizzate, di Iuppiter Optimus Maximus. I principali epiteti sono:

1. Accionis
2. Arubianus
3. Baginatis «Dio delle querce»
4. Beissirissa
5. Brixianus «Bresciano»
6. Bussumarus «Colui che ben colpisce»
7. Cernenus
8. Cundamius
9. Ladicus «Del monte Ladus»
10. Optimus Maximus «Ottimo Massimo»
11. Parthinus / Partinus «Dei Parteni» (?)
12. Pœninus «Delle vette»
13. Saranicus
14. Sucælus
15. Taranis - Tanaros «Tonante»
16. Taranucnus - Taranucus «Tonante» o «Figlio del Tonante» (?)
17. Uxellinus «Altissimo»

TARANIS, IL SIGNORE DEL TUONO:

Non conosciamo con esattezza il nome dello Iuppiter gallico, ma molti pensano che sia Taranis, il Tonante. Con questo nome, Iuppiter viene adorato in tutto il territorio celtico: in Gallia, in Britannia e in Germania. Lungo il Reno il dio è conosciuto col nome di Iuppiter Taranucnus. Vi sono tracce di un culto a Iuppiter Taranucus persino nella lontana Dalmazia. Taranis è il signore del tuono, il cui rimbombo è evocato dal suo stesso nome, e come tale gli ha potere tra le potenze del cielo. Da lui derivano le tempeste e il maltempo. Da lui viene la pioggia, apportatrice di fertilità e di abbondanza.

Anche il poeta Lucano cita Taranis, e aggiunge che sul suo altare avvengono sacrifici non meno feroci di quelli che gli Sciti tributano a Diana.

I suoi scoliasti aggiungono che i Galli considerano Taranis un dio simile a Iuppiter, signore delle guerre e massimo degli dèi, ma pure simile a Dis Pater, dio dell'oscurità e della morte. Quando Taranis ha l'aspetto di Iuppiter, viene placato sacrificandogli vite umane con riti sanguinosi. Quando invece ha l'aspetto di Dis Pater, le sue vittime sono bruciate vive dentro grandi tini di legno. Anche Cesare concordava sul fatto che alcune popolazioni galliche immolassero numerose vittime umane arse vive in grandi tini o simulacri di legno.

Ma con la cristianizzazione delle Gallie, questi usi barbari sono in parte cessati, e i Galli hanno cominciato a sostituire, nei sacrifici, gli uomini con gli animali. Ancora oggi, infatti, rimane tra loro l'uso di fare dei grandi falò per poi gettarvi sopra cani, gatti, volpi e altri animali, racchiusi in cesti di legno o di vimini.

PŒNINUS: IL DIO DELLE VETTE:

Nella Gallia Cisalpina, Iuppiter veniva adorato sulle cime al sommo dei monti, e per questo veniva chiama Pœninus, il dio delle vette.

Nell'anno 218 a.C., il condottiero Annibale, alla testa dell'imponente esercito cartaginese, varcò le Alpi e scese dalla Gallia in Italia, minacciando la potenza di Roma sul suo stesso territorio. La Seconda Guerra Punica giungeva al suo momento più drammatico.

Due secoli dopo, tuttavia, gli storici romani ancora discutevano su quale fosse stato il valico alpino per il quale erano transitate le schiere cartaginesi, e si tendeva a indicare un certo passaggio nei pressi del Monte Pennino [Mons Pœninus]. Anzi, si pensava che questo monte avesse preso nome dagli stessi Cartaginesi [Pœni].

Tito Livio, nella sua opera storica, confuta quest'argomentazione. Se Annibale avesse preso il valico del Pennino non sarebbe giunto nel territorio dei celti Taurini, come poi fece. In realtà, dice Livio, l'origine del nome del monte è diversa, come ben sapeva la tribù celtica dei Seduni Veragri che abitava quelle montagne. Costoro, infatti, facevano risalire il nome delle Alpi Pennine non certo al passaggio dei Cartaginesi, bensì al dio che essi adoravano sulla cima più alta di quelle montagne. Un dio che i Romani identificavano con Iuppiter e con Silvanus, ma che loro chiamavano Pœninus, il signore delle vette.

_________________
We will touch the divine through kisses catharsis

- MORRIGAN's daughter -
- LOKI's lover -

"[...] e il nostro motto:
SiC GORGIAMUS ALLOS SUBJECTATOS NUNC...
Con delizia banchettiamo di coloro che vorrebbero assoggettarci... e non è tanto per dire! "
Morticia - The Addams Family

Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente http://themorrigan.forumfree.it/
g0rka
Admin
Admin


Femminile Numero di messaggi : 2013
Età : 27
Localizzazione : Avvolta dalle fiamme di Loki
Titoletto Personale : g0rka the trickster
Data d'iscrizione : 09.12.07

MessaggioOggetto: Re: Taranis / Iuppiter   Ven Giu 19, 2009 1:19 pm

BAGINATIS: IL DIO DELLE QUERCE

Talvolta i Galli si rivolgono a Iuppiter con l'epiteto di Baginatis, dio delle querce. E infatti le genti celtiche, che comunque portano un grande rispetto a tutti gli alberi, considerano le querce particolarmente sacre. A quanto pare, essi adorano Iuppiter proprio nell'immagine di una quercia.

Ma questa non è una novità. Molti popoli adorano il dio del tuono nella quercia e nel faggio, specie quando l'albero viene colpito da un fulmine. I Traci e i Germani, per esempio. Ma anche Greci e Romani credono che la quercia sia l'albero sacro a Iuppiter.

IL CAVALIERE E L'ANGUIPEDE:

Non conosciamo direttamente alcun mito che riguardi il Dio con la Ruota, ovvero lo Iuppiter gallico. Uno di essi sembra però suggerito da certi pilastri e colonne diffuse in molti luoghi dell'area celtica: tra i Lingoni, i Treveri, gli Arverni, e soprattutto nella valle del Reno, ma anche tra gli Elvezi e addirittura in Britannia.

Vi si trova l'immagine di un dio a cavallo, ritto a sovrastare un gigante barbuto dalla coda di serpente o di pesce: l'Anguipede giace al suolo, il volto contorto dal terrore, schiacciato sotto gli zoccoli del cavallo. Altre volte il dio è in piedi, eretto, e il mostro è disteso ai suoi piedi.

Il dio è armato: spesso impugna un giavellotto, ma altre volte regge la ruota, e solo per questo lo si può identificare con Iuppiter.

Sotto sono raffigurate le sette divinità planetarie, oppure quattro divinità identificate con Iuno, Mercurius, Hercules e Minerva.

Quale storia, mito o simbologia sia alla base di tale figura, non sappiamo dirlo.


LO IUPPITER GALLICO: INTRODUZIONE

Tratteremo essenzialmente di tre figure, diversamente documentate, di cui sosteniamo la reciproca identificazione. Esse sono:

1. lo Iuppiter gallico, citato da Cesare, di cui vi sono testimonianze epigrafiche e iconografiche;
2. il Dio con la Ruota, di cui vi sono numerose figurazioni;
3. il dio Taranis, presente nelle iscrizioni dedicatorie.

Che lo Iuppiter gallico sia da identificare nel Dio con la Ruota è dimostrato dalle iscrizioni che talvolta accompagnano le figurazioni di quest'ultimo. Che sia da identificare con Taranis, invece, lo si deduce dall'accostamento dei nomi nelle dediche a quest'ultimo, ma anche da un passo (controverso) dei Commenti Bernesi a Lucano.

Che questo dio, lo Iuppiter gallico, fosse stato un dio-tuono (e non un dio-cielo come lo Iuppiter romano), lo si deduce dalla presenza della ruota e dall'etimologia del nome Taranis. Ciò non contraddice affatto la notizia che Cesare fornisce nella Guerra gallica secondo cui lo Iuppiter gallico era considerato il re degli dèi, per quanto non a lui era tributato il massimo culto, essendo la regalità guerriera, nelle mitologie indoeuropee, attributo tradizionale del dio-tuono (si veda l'esempio indiano di Indra).

LO IUPPITER GALLICO: L'INTERPRETAZIONE ROMANA

Nella Guerra gallica Cesare cita Iuppiter solo al quarto posto tra i cinque dèi principali dei Galli, con una scolorita formula: «è il signore degli dèi». Al primo posto nella gerarchia divina, infatti, Cesare aveva posto Mercurius:

Citazione :

Post hunc Apollinem et Martem et Iouem et Minerua. de his eandem fer quam reliquæ gentes habent hopinionem: Apollinem morbos depellere, Mineruam operum atque artificiorum initia tradere, Iouem imperium cælestium tenere, Martem bella regere.


Dopo di lui [Mercurius] [i Galli] adorano Apollo, Mars, Iuppiter e Minerva. Essi si fanno di questi dèi pressappoco la stessa idea degli altri popoli: Apollo guarisce dalle malattie, Minerva insegna i princìpi dei lavori manuali, Iuppiter è il signore degli dèi, Mars presiede alla guerra.

Caio Giulio Cesare: La guerra gallica [VI: 17]

La perplessità di Cesare è ancora una volta spiegata: la divinità celtica che i Romani interpretarono con Iuppiter rassomigliava solo per alcuni tratti al dio classico, per altri era un personaggio affatto diverso. Questa è la ragione per cui lo Iuppiter gallico, che pure era il re degli dèi, si trovava in posizione subordinata rispetto a Mercurius. Il pantheon celtico era organizzato in maniera diversa dal pantheon classico.

La posizione d'inferiorità dello Iuppiter gallico rispetto a Mercurius sembra confermata dai ritrovamenti archeologici. Per quanto concerne il numero di iscrizioni e dediche, Iuppiter non raggiunge di gran lunga l'abbondanza di Mercurius, anche se i dati a nostra disposizione testimoniano un culto assai sentito e duraturo. Sembra che a Iuppiter i Galli tributassero sacrifici umani.

Anche l'agiografia cristiana testimonia il perdurare della venerazione di Iuppiter in Gallia. Suoi luoghi di culto furono ad esempio Artins (Vita di San Giuliano), Lectoure (Vita di San Clario), e Agde (Passione dei Santi Tiberio, Modesto e Fiorenza).

Nelle figurazioni, lo Iuppiter gallico porta spesso gli attributi del suo omologo romano: lo scettro, il fulmine e l'aquila. Ma è più importante il fatto che venga talvolta identificato in un dio armato di ruota.

_________________
We will touch the divine through kisses catharsis

- MORRIGAN's daughter -
- LOKI's lover -

"[...] e il nostro motto:
SiC GORGIAMUS ALLOS SUBJECTATOS NUNC...
Con delizia banchettiamo di coloro che vorrebbero assoggettarci... e non è tanto per dire! "
Morticia - The Addams Family

Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente http://themorrigan.forumfree.it/
g0rka
Admin
Admin


Femminile Numero di messaggi : 2013
Età : 27
Localizzazione : Avvolta dalle fiamme di Loki
Titoletto Personale : g0rka the trickster
Data d'iscrizione : 09.12.07

MessaggioOggetto: Re: Taranis / Iuppiter   Ven Giu 19, 2009 1:23 pm

GLI EPITETI DELLO IUPPITER GALLICO

L'epigrafia dedicata allo Iuppiter gallico non raggiunge l'abbondanza e diversità di quelli dedicati a Mercurius o Mars, anzi testimonia quanto la figura romana si sia sovraimpressa a quella della divinità gallica. Alcuni di questi epiteti, a cominciare dal diffuso Optimus Maximus (abbreviata in O.M.) sono infatti di origine classica.

Iuppiter Accionis

Questo epiteto può forse essere ricollegato alla palude di Accion, presso il lago di Ginevra, di cui parla Avieno in Ora maritima [682].

Iuppiter Baginatis

Etimologia: dal termine indoeuropeo *BHĀGOS, che indica sia la quercia che il faggio (alberi confusi tra loro in molte lingue) (cfr. greco phēgós, latino fagus).

L'esistenza di uno Iuppiter Baginatis «delle querce» viene a confermare la notizia di Massimo di Tiro secondo cui i Celti adoravano Zeús nell'immagine di una vecchia quercia (Lógoi [VIII: 8]). Una rappresentazione dello Iuppiter gallico trovata a Séguret (Vaucluse) è accompagnata da una quercia. Anche le cosiddette «Colonne del Cavaliere», che si ritiene reppresentino lo Iuppiter gallico, sono spesso fatte a immagine di una quercia.

Esistono comunque numerosissime testimonianze della santità della quercia tra le genti galliche. In un brano della sua storia Storia Naturale, Plinio parla di una festa che si svolgeva nel sesto giorno del mese lunare, durante la quale i druidi salivano su una quercia sacra, tagliavano un rametto di vischio e sacrificavano due tori bianchi; egli stesso aggiunge che la parola «druido» deriverebbe dalla radice drýs «quercia».

Citazione :
Non bisogna dimenticare a questo proposito anche l'ammirazione a cui il vischio è fatto oggetto in Gallia. I Druidi - così si chiamano i maghi di quei paesi - non considerano niente più sacro del vischio e dell'albero su cui esso cresce, purché si tratti di un rovere. Già scelgono come sacri i boschi di rovere in quanto tali, e non compiono alcun rito religioso se non hanno fronde di questo albero tanto che il termine di Druidi può sembrare di derivazione greca. In realtà essi ritengono tutto ciò che nasce sulle piante di rovere come inviato dal cielo, un segno che l'albero è stato scelto dalla divinità stessa. Peraltro il vischio di rovere è molto raro a trovarsi e quando viene scoperto lo si raccoglie con grande devozione: innanzitutto al sesto giorno della luna (che segna per loro l'inizio del mese e dell'anno e del secolo, ogni trent'anni), e questo perché in tale giorno la luna ha già abbastanza forza e non è a mezzo. Il nome che hanno dato al vischio significa «che guarisce tutto». Dopo aver apprestato secondo il rituale il sacrificio e il banchetto ai piedi dell'albero, fanno avvicinare due tori bianchi a cui per la prima volta vengono legate le corna. Il sacerdote, vestito di bianco, sale sull'albero, taglia il vischio con un falcetto d'oro e lo raccoglie in un panno bianco. Poi immolano le vittime, pregando il dio perché renda il suo dono propizio a coloro ai quali lo ha destinato. Ritengono che il vischio, preso in pozione, dia la capacità di riprodursi a qualunque animale sterile, e che sia un rimedio contro tutti i veleni: così grande è la devozione che certi popoli rivolgono a cose per lo più prive d'importanza.

Plinio: Storia Naturale [XVI: 95]

Il rapporto tra il dio fulminante e la quercia non è affatto una caratteristica celtica, anzi, sembra essere una costante di molte mitologie. In Grecia c'era uno Zeús Phēgōnaîos; in Frigia uno Zeús Bagaîos; a Roma si aveva parimenti uno Iuppiter Quercus. Non ci si stupisce dunque di trovare anche in ambito celtico uno Iuppiter Baginatis, a continuare questo lungo rapporto tra il dio fulminante e la quercia. La quercia era inoltre sacra a Þórr nel mondo germanico, e il dio del tuono baltico, Pērkuns/Perkū́nas (a cui va forse anche aggiunto forse anche il russo Perun) sembra derivi dall'indoeuropeo *PERKUOS «quercia» [VEDI].

Iuppiter Beissirissa

Di significato sconosciuto, questo epiteto è attribuito a Iuppiter in una sola iscrizione trovata a Cadéac (Hautes-Pyrénées), nel territorio dei Bigerrioni [CIL xiii 370].

Iuppiter Brixianus

Con questo epiteto, Iuppiter era localmente adorato nella città cisalpina di Brescia [Brixia] (Pascal 1964, Green 1992).

Iuppiter Bussumarus

Da bussu «colpo» e maru «grande» (cfr. irlandese mór «grande»). Dunque «Colui che ben colpisce».

Iuppiter Cernenus

Diffuso nella Dacia romana. Per questo epiteto è stato proposto un parallelo con il nome di Cernunnos, anche se potrebbe invece derivare dal luogo di provenienza: Verespatak vicino a Korna.

Iuppiter Ladicus

Con questo nome, Iuppiter era adorato sul monte Ladus dai Celtiberi del nord-ovest della Spagna.

Iuppiter Optimus Maximus

Abbreviata in O.M., quest'iscrizione è di origine classica. Si tratta di uno dei più importanti e diffusi epiteti dello Iuppiter romano. [ANTOLOGIA].

Iuppiter Parthinus/Partinus

Con l'epiteto di Parthinus o Partinus, Iuppiter era adorato lungo i confini nord-orientali della Dalmazia (Jugoslavia) e della Moesia Superiore (Bulgaria) [CIL iii 8353 14613]. È possibile che questo epiteto sia legato alla locale tribù dei Partheni (Wilkes 1969, Čremošnik 1959, Green 1984, Green 1998).

Iuppiter Pœninus

«Delle vette», dalla radice celtica penn «testa, capo, cima» (cfr. i nomi delle Alpi Pennine e dei monti Appennini). Attestato in un'iscrizione trovata a Tirnovo. È epiteto di Iuppiter, ma in un caso anche di Silvanus. Di un dio Pœninus, adorato dai Seduni Veragri tra i valichi alpini, parla Tito Livio, associando tra l'altro il suo nome a quello dei Cartaginesi [Pœni] che vi sarebbero transitati al seguito di Annibale:


Citazione :
...eo magis miror ambigi quanam Alpes transierit et vulgo credere Pœnino - atque inde nomen ei iugo Alpium inditum - transgressum, Cœlium per Cremonis iugum dicere transisse; qui ambo saltus eum non in Taurinos sed per Salassos montanos ad Libuos Gallos deduxerint. Nec veri simile est ea tum ad Galliam patuisse itinera; utique quæ ad Pœninum ferunt obsæpta gentibus semigermanis fuissent. Neque hercule montibus hism si quem forte id movet, ab transiuto Pœnorum ullo Seduni Veragri, incolæ iugi eius, [nomen] norint inditum sed ab eo quem in summo sacratum vertice Pœninum montani appellant.

Mi meraviglio che vi sia disaccordo circa il valico attraverso il quale Annibale varcò le Alpi; mi stupisco anche che generalmente si creda sia passato per il Pennino (anche se questo sarebbe il motivo per cui quel valico ha questo nome) e che Celio dica che è passato attraverso il passo di Cremone. Entrambi questi valichi non lo avrebbero condotto nel territorio dei Taurini ma in quello dei Galli Liqui, dopo aver attraversato la regione montagnosa dei Salassi. E non sembra plausibile che a quel tempo quelle vie verso la Gallia fossero aperte e, in ogni caso, quelle che portano al valico del Pennino sarebbero state sbarrate da popolazioni semi-germaniche. E certo i Seduni Veragri, abitanti di quella zona montagnosa, non attribuiscono l'origine del nome di questi monti al passaggio dei Cartaginesi [Pœni]: essi fanno derivare quel nome dal dio che, adorato sulla cima più alta, è chiamato Pœninus dai montanari.

Tito Livio: Storia di Roma dalla Fondazione [XXI: 38: 9]

Iuppiter Sucælus

Il problematico epiteto Sucælus è stato trovato a Mainz in una dedica a Iuppiter Optimus Maximus:

Citazione :

I.O.M. SVCÆLO

[CIL xii 6730] [ANTOLOGIA].

Secondo alcuni autori, questo epiteto identificherebbe Iuppiter con Sucellus (Pisani 1949, Lambrechts 1942) Non condividiamo questa identificazione.

Iuppiter Taranis/Taranuc(n)us/Tanaros

La forma primaria di questo epiteto è Taranis «tonante» (una sola iscrizione dalla Gallia [CIL xii 820]). Sue varianti sono Taranucnus (due iscrizioni dalla Germania [CIL xiii 6094, 6478]) e Taranucus (una dalla Dalmazia [CIL iii 2804]). Altra variante è Tanaros (dalla Britannia [CIL vii 168]) .

Iuppiter Uxellinus

Forse da intendersi con «Altissimo», con possibile allusione alle sue qualità di dio-cielo, Iuppiter era così venerato nel Norico, in Austria [CIL iii 5145] (Alföldy 1974, Green 1986, Green 1992).

_________________
We will touch the divine through kisses catharsis

- MORRIGAN's daughter -
- LOKI's lover -

"[...] e il nostro motto:
SiC GORGIAMUS ALLOS SUBJECTATOS NUNC...
Con delizia banchettiamo di coloro che vorrebbero assoggettarci... e non è tanto per dire! "
Morticia - The Addams Family

Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente http://themorrigan.forumfree.it/
g0rka
Admin
Admin


Femminile Numero di messaggi : 2013
Età : 27
Localizzazione : Avvolta dalle fiamme di Loki
Titoletto Personale : g0rka the trickster
Data d'iscrizione : 09.12.07

MessaggioOggetto: Re: Taranis / Iuppiter   Ven Giu 19, 2009 1:28 pm

IL DIO CON LA RUOTA:

Il cosiddetto Dio con la Ruota compare in molte figurazioni galliche: si tratta di un personaggio barbuto, nudo, che si appoggia o regge in pugno una ruota con un numero variabile di raggi. In alcune immagini il dio viene identificato con Iuppiter.

Esaminiamo le immagini più importanti del Dio con la Ruota.

Sul calderone di Gundestrup compare un personaggio barbuto che solleva in alto ambedue le braccia: la destra sembra afferrare una ruota con otto raggi, visibile solo per metà; accanto, un giovane inginocchiato sembra prendere la ruota con entrambe le mani. Sono inoltre rappresentate due pantere che si muovono verso destra e tre grifoni che si muovono verso sinistra; sotto si trova il simbolo celtico del Serpente Criocefalo. Purtroppo non vi sono iscrizioni.

Una statuetta di bronzo, ugualmente anonima, rinvenuta a Châtelet (Haute-Marne) rappresenta un uomo nudo con la barba. Regge con la mano sinistra una ruota a sei raggi, deposta al suolo accanto a sé; nella mano destra, sollevata, impugna quello che sembra il simbolo classico del fulmine. Al braccio destro sono appesi nove oggetti dall'andamento sinuoso di non facile interpretazione (non è molto chiara l'ipotesi di alcuni autori secondo il quale tali oggetti simboleggerebbero la traccia lasciata dal lampo).

C'è poi la statua proveniente da Séguret (Vaucluse), l'antico territorio degli Avantici, dove il dio si appoggia con la destra a una ruota a dieci raggi. Altri esempi sono stati trovati a Trier. C'è anche la matrice di una statua che tiene una ruota in ambedue le mani, proveniente da Caer Llyon, l'antica Isca Silurum, nel Galles. Poche di queste figurazioni portano iscrizioni, come la statua di Landouzy-la-Ville (Aisne), dove I.O.M. è la tradizionale sigla per Iuppiter Optimus Maximus.


Talvolta compare il simbolo della ruota, ma senza la figura divina. Un altare trovato presso Laudan (Dip. Gard) presenta su ambedue i lati un'aquila e una ruota a cinque raggi. Un altro proveniente da Lasargues [MUSEO] mostra una ruota a sei raggi tra due fulmini; l'iscrizione è anche qui una dedica a Iuppiter:

Citazione :
IOVI IVBR
VI VOTVM
V L M


Iovi Iubr
Vi Votum
Votum Libens Merito


A Montmirat (Gard) è venuto alla luce un frammento di altare con una ruota a nove raggi, sotto cui era effigiato un fulgur conditum. Su un altare a Vauvert, presso Nîmes, troviamo su una facciata una ruota con otto raggi e su ambedue i lati un fulmine stilizzato. Altri tre altari sono stati dedicati a Iuppiter nell'Inghilterra del nord (di cui due dedicati da devoti appartenenti alla tribù germanica dei Tungri!).

Qualche volta la ruota compare anche come attributo di Iuno sposa di Iuppiter (Autun, Alzey, Tongern).

Nonostante la maggior parte delle figurazioni del Dio con la Ruota sia anonima, le poche dediche sono sempre e comunque rivolte a Iuppiter; si è visto che anche alcune immagini di ruote portano dediche a Iuppiter. È evidente che la ruota sia il simbolo che i Galli attribuivano a quel loro dio che in epoca romana venne assimilato a Iuppiter. Lo Iuppiter gallico e il Dio con la Ruota sono, con sufficiente certezza, lo stesso personaggio.

SIGNIFICATO DELLA RUOTA:

Abbiamo visto come il simbolo della ruota sia il tradizionale attributo di Iuppiter in Gallia, sia che compaia impugnata dal dio, sia che appaia senza la figura divina. In entrambi i casi vi sono esempî di iscrizioni che rimandano a Iuppiter Optimus Maximus.

Piccole ruote erano portate come amuleto tanto in Gallia quanto in Britannia. Nel sud della Francia sono state rinvenute monete che mostrano una ruota con quattro spirali o una croce (si tratta di riproduzioni del kýklos mantikós di Delfi, ma il loro adattamento in Gallia dovrebbe indicare che esse trovavano corrispondenza nelle concezioni locali).

Ma qual è il significato della ruota? Gli studiosi sono arrivati a interpretazioni diverse. Secondo Gaidoz la ruota era un simbolo solare (Gaidoz 1884), idea ripresa da altri autori (Vendryes 1948, Pettazzoni 1954). Anche De Vries considera il Dio con la Ruota una divinità di carattere celeste, di cui il sole sarebbe la più radiosa manifestazione, e siccome il sole vede tutto, il Dio con la Ruota sarebbe anche un dio onniveggente e invocato nei giuramenti, ed al proposito De Vries ricorda le antiche formule irlandesi in cui s'invocano le forze della natura: il sole spesso nominato in primo luogo, poi la luna e le stelle (De Vries 1961).

Altri studiosi hanno visto nella ruota il simbolo del ciclo dell'anno, preludendo a certe immagini medievali dove l'anno è raffigurato come una ruota, divisa in quattro o dodici parti, quante sono le stagioni o i mesi. Ma in tal caso la ruota impugnata dal dio non dovrebbe avere un numero di raggi così incerto e variabile.

Flouest ha invece visto nella ruota un simbolo del tuono, richiamando l'attenzione sull'idea del carro su cui viaggerebbe un dio del tuono: quest'idea si richiama al parallelo germanico, dove il dio-tuono Þórr viaggia su un carro tirato da caproni, le cui ruote producono il rombo del tuono tra le nubi (Flouest 1885). A tale opinione fanno seguito molti autori (Renel 1907, Hatt 1951). È questa, a nostro avviso, la proposta più ragionevole, soprattutto tenendo conto dei molti parallelismi che sussistevano tra le culture celtica germanica.

TARANIS: FONTI CLASSICHE E TESTIMONIANZE EPIGRAFICHE

Il più importante epiteto gallico di Iuppiter è Taranis, ricordato dal poeta Lucano in un celebre verso del Farsalia , ripreso poi dai suoi scoliasti, con qualche identificazione discordante:

Citazione :
...Et Taranis Schythicæ non mitior ara Dianæ.


...E l'ara di Taranis non più mite di quella di Diana scitica.

M. Anneo Lucano: Farsalia

Taranis / Dis pater presso di loro viene placato in questo modo: uomini vengono bruciati vivi in tini di legno [...]. [Credono] che Taranis sia Iuppiter, signore delle guerre e massimo fra gli dèi celesti, avvezzo un tempo a essere placato con vittime umane, ora con sacrificio di animali.

Commenti Bernesi a Lucano

Lucano cita il nome del dio senza ridurlo a epiteto e questo ci autorizza a pensare che Taranis fosse il nome proprio di una divinità identificata con lo Iuppiter romano. Purtroppo i Commenti Bernesi sono fonte di confusione: essi identificano Taranis prima con Iuppiter e poi con Dis Pater. Possiamo accettare la prima interpretazione, la seconda lascia un po' perplessi. L'ignoto scoliaste sembra operare le sue identificazioni su basi alquanto discutibili!

Se conosciamo il nome del dio al nominativo lo dobbiamo appunto a Lucano. Le fonti archeologiche sono poche e contraddittorie, e il nome del dio vi compare in forme declinate o derivate.

Conosciamo sette altari dedicati a un dio il cui nome può essere fatto risalire al Taranis di Lucano, tutti eretti nel corso dell'occupazione romana dei territori celtici. Essi hanno provenienza eterogenea, provenendo rispettivamente da Orgon, Thauron e Tours in Francia, Chester in Britannia, Böckingen e Godranstein in Germania e Scardona in Slovenia.

In una sola di queste iscrizioni ritroviamo il Taranis di Lucano [CIL xii 820]. È stata rinvenuta ad Orgon (Bouches-du-Rhône) nel 1886 ed oggi è custodita nel Musée Calvet di Avignone. Si tratta di una dedica scritta in lettere greche, fatta da un certo Vebrumaros nel II secolo, dove il nome del dio compare declinato al dativo in Taranoou:

Citazione :
ΟΥΗΒΡΟΥΜΑΡΟC
ΔΕΔΕ ΤΑΡΑΝΟΟΥ
ΒΡΑΤΟΥΔΕΚΑΝΤΕΜ


Ouēbromaros
Dede Taranoou
Bratoudekantem

[CIL xii 820]

Ci sono poi le varianti del nome. Un'iscrizione latina a Iuppiter Taranucus rinvenuta a Scardona in Dalmazia (Slovenia) [CIL iii 2804], e due iscrizioni dedicate a Taranucnus entrambe provenienti dalla Germania. La prima di esse [CIL xiii 6094] è stata rinvenuta a Godranstein presso Landau ed è:

Citazione :
IN H D D DEO
TARANVCNO
TRAVINI
QVIBVS EX
COLLATA STIRPE
IVL IVL
IVSS


In honorem Domus Divinæ Deo
Taranucno
travini
quibus ex
collata stirpe [+]
Iulius Iul[+]
iussu [+]

[CIL xiii 6094]

La seconda, incisa sull'altare gallo-romano trovato a Böckingen presso Heilbronn, è dedicata al dio per ordine [ex iussu] di un certo Veratius Primus:

Citazione :
DEO
TARANUCNO
VERATIVS PRIMVS
EX IVSSV


Deo
Taranuno
Veratius Primus
ex iussu

[CIL xii 6478]

La forma alternativa Tanaros appare nella dedica trovata a Chester, in Britannia [CIL vii 168]. L'altare è quasi completamente consumato e per la sua lettura è stato necessario affidarsi a una trascrizione più tarda (Green 1992). Il testo viene generalmente accettato come segue:

Citazione :
A Iuppiter Optimus Maximus Tanaros, Lucius Bruttius Præsens, della tribù Galeria, da Clunia [Spagna], a capo della Legione XX Valeria Victrix, volentieri e giustamente ha adempiuto al suo voto durante i consolati di Commodus e Lateranus [154 d.C.].

[CIL vii 168]

Quest'ultima iscrizione è forse da mettere in relazione con un'altra rinvenuta a Blockberg [CIL iii 10418] che contiene solo le quattro iniziali I.O.M.T.. Queste iscrizioni provengono dunque dalla Francia, dalla Germania, dalla Slovenia e dalla Britannia. Il che ci permette di constatare quanto il culto di Taranis fosse diffuso in tutta l'area celtica.

_________________
We will touch the divine through kisses catharsis

- MORRIGAN's daughter -
- LOKI's lover -

"[...] e il nostro motto:
SiC GORGIAMUS ALLOS SUBJECTATOS NUNC...
Con delizia banchettiamo di coloro che vorrebbero assoggettarci... e non è tanto per dire! "
Morticia - The Addams Family

Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente http://themorrigan.forumfree.it/
g0rka
Admin
Admin


Femminile Numero di messaggi : 2013
Età : 27
Localizzazione : Avvolta dalle fiamme di Loki
Titoletto Personale : g0rka the trickster
Data d'iscrizione : 09.12.07

MessaggioOggetto: Re: Taranis / Iuppiter   Ven Giu 19, 2009 1:29 pm

TARANIS: INTERPRETAZIONI

Il nome Taranis, attestato in questa forma nelle fonti classiche e nell'iscrizione in caratteri greci di Orgon [CIL xii 820], deriva senza dubbio dalla radice *taran- «tuono» (cfr. bretone taran e antico irlandese torann «tuono»; la forma in moderno irlandese è toirneach). Dunque questo nome va reso come «Tuono» o «Tonante».

Più problematica la forma Taranucnus, presente nelle iscrizioni renane [CIL xiii 6094 6478] con la variazione dalmata di Taranucus [CIL iii 2804]. Secondo Pisani, poiché il suffisso -cno indicherebbe un patronimico, il dio chiamato Taranucnus sarebbe in realtà un figlio del dio Taranis e non Taranis stesso (Pisani 1949). Più convincente l'ipotesi secondo la quale il termine vada considerato come titolo aggettivale, e quindi «Colui che tuona» (Green 1992).

La forma Tanaros, attestata nell'iscrizione di Chester [CIL vii 168], si spiega ipotizzando un'alternanza di radici *taran-/*tanar-, di cui una si è formata dall'altra per metatesi (inversione delle consonanti), anche se non è facile capire quale sia la forma originale e quale la derivata. Si può invece respingere l'ipotesi che vorrebbe far derivare la forma Tanaros dal nome greco del fiume ligure Tanaro [Tánaros].

Lo scarso numero di iscrizioni rivolte a questo dio, soltanto sette in tutta l'area celtica, fanno pensare, a dispetto delle informazioni di Lucano, che Taranis non fosse stata una divinità celtica molto importante; di contro non si può fare a meno di notare che questi sette monumenti sono ben distribuiti, essendo stati trovati in Gallia, in Germania, in Britannia e persino in Dalmazia, implicando quindi che Taranis fosse perlomeno conosciuto su una vasta area. Secondo la Green, è possibile che Lucano abbia esagerato l'importanza del dio per ignoranza o per licenza poetica; sembra infatti che egli non avesse visitato personalmente la Gallia e quindi abbia ottenuto le informazioni di seconda mano, portando i chiosatori posteriori a esagerare l'importanza dei pochi nomi tramandati dalle fonti classiche (Green 1992).

Nessuna delle dediche a Taranis che possediamo è accompagnata dall'immagine del dio, così non sappiamo con certezza quale fosse il suo aspetto. L'interpretazione di Taranis quale dio del tuono, dovuta esclusivamente all'etimologia del nome e ormai ampiamente accettata dalla maggioranza degli studiosi, fu proposta già nella prima metà del Settecento (Martin 1727). Improbabili le ipotesi che designano Taranis un dio solare e psicopompo (Le Roux 1955), o addirittura un dio dei morti (Lambrechts 1942). Restrittiva l'ipotesi che lo indica come un dio dei giuramenti (Van Hamel 1934). Da scartare anche l'ipotesi che pretenderebbe di identificare Taranis nel Dio col Mazzuolo, il quale nell'epigrafia si chiama invece Sucellos.

Ma il punto dolente della questione è se Taranis vada o meno identificato con lo Iuppiter gallico di cui parla Cesare nella Guerra gallica. Delle sette dediche, soltanto in tre il teonimo è usato come epiteto di Iuppiter, e cioè nella dedica proveniente dalla Dalmazia, in quella da Thauron e in quella da Chester. La maggior parte degli esperti si è pronunciata a favore della correttezza di tale identificazione (Heichelheim 1932, Lambrechts 1942, Grenier 1945, Duval 1954 e 1957, Le Roux 1959). Altri autori, pur accettando tale identificazione, pensano tuttavia che sia stata effettuata su basi piuttosto superficiali: mentre lo Iuppiter romano era una divinità complessa, con un'ampia gamma di funzioni che variavano dalla regalità al potere atmosferico, Taranis sembra essere stato esclusivamente una divinità naturalistica (Green 1998). Tale affermazione, tuttavia, è basata sul fatto che quel poco che sappiamo di Taranis siamo stati costretti a dedurlo per via etimologica e quindi non sappiamo quali sfumature della divinità siano andate perdute.

Al contrario, De Vries, che come abbiamo visto considera la ruota un simbolo solare e dunque dà allo Iuppiter gallico un carattere di dio-cielo, nega la sua identificazione con Taranis. Secondo quest'ultimo studioso, Taranis sarebbe stato essenzialmente un dio-tuono sul tipo di Indra o Þórr, e come tale legato alla casta guerriera; se in epoca romana venne interpretato con Iuppiter, lo fu solo a causa del suo carattere tonante (De Vries 1961). Ma anche se la ruota può essere interpretata come simbolo solare, non esistono reali identificazioni tra dio-sole e dio-tuono (Green 1992).

La nostra opinione è che il vizio di interpretazione è piuttosto tra lo Iuppiter romano e lo Iuppiter gallico, il primo un dio-cielo e il secondo un dio-tuono, avvicinati l'uno all'altro esclusivamente per il comune carattere tonante. Ritengo che lo Iuppiter gallico, ovvero il Dio con la Ruota, sia stato a tutti gli effetti un dio-tuono sul tipo di Indra o Þórr, e che quindi si possa senz'altro accettare la sua identificazione con Taranis. Ed ora vedremo per quali ragioni.

LO IUPPITER GALLICO: DIO-CIELO O DIO-TUONO?

La questione dello Iuppiter gallico, che ha a lungo diviso gli studiosi, è alla fine riassumibile in due scuole di pensiero. C'è chi vuole che lo Iuppiter gallico fosse stato un dio-cielo, sulla falsariga dello Iuppiter classico; chi pensa invece a un dio-tuono, come il Þórr germanico. Chi opta per la seconda alternativa ammette l'identità tra lo Iuppiter gallico e Taranis, altrimenti è costretto a considerarli due divinità distinte.

Prima di affrontare il problema, sarà meglio definire entrambi i mitologemi, del dio-cielo e del dio-tuono, ben distinti in tutte le mitologie di matrice indoeuropea.

In termini tradizionali, il dio-cielo è l'incarnazione del cielo nel suo aspetto più alto e luminoso. Il dio-cielo simboleggia la legge eterna che dirige il tempo e lo spazio, e quindi l'ordine cosmico. Ma come conseguenza, il dio-cielo tende a porsi in un sovrumano distacco dalle cose terrene, cosicché nei suoi vari esiti troviamo la sua figura quasi sempre piuttosto sbiadita e lontana. Il dio-cielo, pur avendo mutato la fisionomia, ha conservato quasi dovunque un nome derivato dall'originario *DIĒUS PƏTER indoeuropeo. Abbiamo così Dyaus Pitar in India, Zeús Patḗr in Grecia, Iuppiter a Roma e *Tīwaz / Týr tra i Germani.

Il dio-tuono è invece il re degli dèi, dunque il detentore della regalità guerriera. È un dio atmosferico, signore delle nubi e della pioggia. È colui che tutela l'ordine cosmico contro le forze del caos, l'uccisore dei mostri e dei giganti, e le sue armi sono il tuono e la folgore. Al contrario del dio-cielo, il dio tuono non ha conservato il nome originale, ma la sua fisionomia è rimasta pressoché inalterata in tutte le mitologie. È Indra in India, Hēraklês in Grecia, Hercules a Roma, *Þūnraz / Þórr tra i Germani.

A questo punto dobbiamo chiederci chi fosse lo Iuppiter gallico: un dio-cielo abbassato di livello, o un dio-tuono ancora perfettamente funzionale?

La nostra idea è che si trattasse effettivamente di un dio-tuono.

Parecchi elementi riconducono verso questa assimilazione: la sua regalità di second'ordine, il fulmine che impugna, la ruota che simboleggia forse il rombo del tuono, e ovviamente l'epiteto Taranis / Tanaros che non solo ci riporta all'idea di tuono, ma che sembra anche corradicale con il nome del dio-tuono germanico *Þūnraz / Þórr.

Data questa ipotesi di lavoro, facciamo un rapido confronto con le altre mitologie indoeuropee, e analizziamo i vari esiti di dio-cielo e dio-tuono.

Nell'India vedica troviamo, fin dai primi documenti a noi pervenuti, il dio-cielo Dyaus Pitar quasi del tutto assente dalla mitologia. Il dio-tuono Indra ha invece la parte dell'impetuoso re degli dèi, la cui arma prediletta è il fulmine [vajra]. Nel mito, Indra appare come l'uccisore del serpente Vṛtra, che con le sue spire tratteneva le acque del mondo provocando la siccità.

La Grecia dovette invece subire, negli stadî più arcaici del suo sviluppo culturale, l'influsso culturale del Medio Oriente. La figura del dio-cielo fu caricata di una regalità di stampo orientale, sulla falsariga delle divinità supreme delle mitologie semitiche (Ba‘al, Marduk, Yahweh); come risultato, Zeús assunse una regalità più diretta, non dissimile da quella dei monarchi orientali, si armò del fulmine e prese potere sull'atmosfera e sulla pioggia. Il dio-tuono Hēraklês, privato della regalità guerriera, scaduto il fulmine in una semplice clava, fu invece declassato al rango di semi-dio e si accontentò di portare avanti la sua tradizionale missione di uccisore di mostri.

A Roma la situazione fu forse diversa, prima che il fascino esercitato dal mondo ellenico inducesse i Romani a ridefinire i caratteri delle loro divinità sul calco di quelle greche. Tuttavia qui Iuppiter conservò molti più caratteri del dio-cielo di quanto non fosse avvenuto in Grecia ed Hercules fu sempre considerato un dio a tutti gli effetti.

Ora, mentre in Grecia ed a Roma il dio-cielo si arricchiva a spese del dio-tuono, tra i Germani ebbe un esito completamente diverso. Qui, toccò invece al dio-vento *Wōtanaz / Óðinn divenire dio supremo, riducendo il dio-cielo *Tīwaz / Týr a una scialba figura di contorno; il dio-tuono *Þūnraz / Þórr rimase un guerriero fracassone, grande uccisore di mostri, nonché signore del tuono, ma privo della regalità: *Wōtanaz / Óðinn aveva assunto in sé sia la regalità guerriera del dio-tuono, sia la supremità del dio-cielo.

Anche tra i Celti, come tra i Germani, il trasferimento del dio-vento in posizione suprema rivoluzionò i quadri del pantheon, ma in maniera un po' diversa. Il Mercurius gallico ebbe la supremità, ma non la regalità, che evidentemente rimase allo Iuppiter gallico. Ecco perché nella sua lista, Cesare cita Mercurius al primo posto tra le cinque principali divinità galliche, e mette al quarto posto Iuppiter, anche se afferma essere il re degli dèi. In effetti è possibile che lo Iuppiter gallico fosse un sovrano tipo Indra: un re guerriero, ma non il detentore della suprema regalità.

La cosa è perfettamente ammissibile. Si ricordi del resto che anche il dio-tuono germanico *Þūnraz / Þórr venne in seguito interpretato con Iuppiter.

Quanto abbiamo detto non esclude però che differenti figure divine del pantheon celtico non possano essere state parallelamente identificate con Iuppiter in epoca gallo-romana; oppure (il che è la stessa cosa) che lo Iuppiter romano in Gallia non abbia assunto su di sé epiteti e attributi di altre divinità celtiche. Tra queste potrebbe esserci stato per esempio un antico dio-cielo celtico ormai uscito dal culto e dalla mitologia.

Questo fatto spiegherebbe la compresenza, per quanto riguarda lo Iuppiter gallico, di epiteti da dio-tuono, quali Taranis «tonante», Baginatis «delle querce», Bussumarus «colui che ben colpisce», accanto a epiteti più adatti a un dio-cielo, come Uxellinus «altissimo» e forse il discusso Sucælus (cfr. latino cælum «cielo»).

RAPPORTI TRA IL DIO-TUONO GERMANICO E IL DIO-TUONO CELTICO

Abbiamo visto che il più importante degli epiteti dello Iuppiter gallico è Taranis (dalla radice *taran «tuono»). Abbiamo anche visto che una delle forme alternative di questo nome è Tanaros, spiegabile ipotizzando un'alternanza di radici *taran-/*tanar-, di cui una si sarebbe formata dall'altra per metatesi o inversione delle consonanti (TRN/TNR).

Ora, questa seconda successione di consonanti (TNR) la troviamo nel nome del dio-tuono germanico *Þūnraz. È infatti probabile che lo Iuppiter gallico (Taranis), sia stato un personaggio assai simile al dio-tuono germanico.

Tra i Germani il dio-tuono si chiamava *Þūnraz (da cui l'antico alto tedesco donar «tuono» e il norreno Þórr). Secondo le tradizioni scandinave, Þórr produceva il fulmine con il martello Mjöllnir e il rombo del tuono con le ruote del suo carro (e fulmine e ruota sembrano appunto gli elementi caratteristici dello Iuppiter gallico).

Già Tacito aveva identificato il dio-tuono germanico *Þūnraz con il dio-tuono romano Hercules (Germania ), basandosi verosimilmente sul fatto che erano entrambi eroi forzuti avvezzi a uccidere mostri a colpi di clava o di maglio. In seguito, il dio-tuono germanico *Þūnraz venne piuttosto identificato col dio-cielo romano Iuppiter a causa del carattere tonante. Ecco perché il giovedì (latino dies Iovis), giorno tradizionalmente sacro al dio-cielo, nelle lingue germaniche è invece associato al dio-tuono (tedesco Donnerstag, inglese thursday, danese e svedese torsdag).

Ci troviamo dunque di fronte a due diverse divinità, un dio-tuono celtico e un dio-tuono germanico, che i Romani interpretarono entrambe con Iuppiter. Che tali divinità fossero simili è ragionevole. Non c'è motivo per pensare che Celti e Germani avessero innalzato una barriera tra l'una e l'altra sponda del Reno; anzi, vi sono tutte le ragioni per credere a profondi scambi culturali tra i due popoli. È dunque probabile che esistesse una figura divina di dio-tuono, diffusa indifferentemente tra Celti e Germani, i cui attributi sfumassero di popolazione in popolazione. Il suo nome copriva un vasto spettro di nomi, celtici e germanici, tutti derivanti dalla medesima radice per «tuono». Taranis / Tanaros tra i Celti; *Þūnraz / Þórr tra i Germani.

_________________
We will touch the divine through kisses catharsis

- MORRIGAN's daughter -
- LOKI's lover -

"[...] e il nostro motto:
SiC GORGIAMUS ALLOS SUBJECTATOS NUNC...
Con delizia banchettiamo di coloro che vorrebbero assoggettarci... e non è tanto per dire! "
Morticia - The Addams Family

Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente http://themorrigan.forumfree.it/
g0rka
Admin
Admin


Femminile Numero di messaggi : 2013
Età : 27
Localizzazione : Avvolta dalle fiamme di Loki
Titoletto Personale : g0rka the trickster
Data d'iscrizione : 09.12.07

MessaggioOggetto: Re: Taranis / Iuppiter   Ven Giu 19, 2009 1:31 pm

LO IUPPITER GALLICO: POSSIBILI ESITI NELLA MITOLOGIA CELTICA INSULARE

Un'altra domanda è: quale personaggio della mitologia celtica insulare può corrispondere allo Iuppiter gallico. Ebbene, siamo costretti ad ammettere che, secondo il nostro schema, non è possibile rintracciare con sicurezza, tra i Celti insulari, alcun dio omologo allo Iuppiter / Taranis.

In genere si è cercato di ritrovare lo Iuppiter gallico nel Dagda Mór irlandese. Ad assimilare le due figure ci sarebbero innanzitutto la mazza del Dagda, che era montata su ruote, e il fatto che il Dagda fosse chiamato «Padre di Tutti» [Ollathair]. Tuttavia, se la nostra ipotesi è buona e lo Iuppiter gallico è un dio-tuono, allora quest'interpretazione viene a cadere: il Dagda Mór non ha assolutamente nulla del tradizionale dio-tuono, tranne, forse, la spiccata ingordigia. E ancora, la mazza del Dagda, capace di dare la morte ma di far tornare alla vita, sembra avere molti punti in comune con il martello di Þórr. Ma come vedremo meglio in seguito, noi associamo piuttosto il Dagda Mór al dio Sucellos.

Anche Núada Aircetlám sembra avere poco dello Iuppiter gallico, a parte la sua regalità guerriera. Il mito della mutilazione del braccio di Núada però ha riscontro nel mito norreno del dio-cielo Týr, che ebbe la mano staccata dal lupo Fenrir. Ma tutto ciò è insufficiente per interpretare Núada in entrambi i sensi: sia come dio-tuono che come dio-cielo.

Eliminati il Dagda Mór e Núada, non esistono personaggi della mitologia celtica insulare che possiamo porre vicini allo Iuppiter gallico.

LE COLONNE DEL CAVALIERE

Lo scorcio superstite di un antico mito celtico che aveva forse come protagonista lo Iuppiter gallico, compare in una serie di circa 150 monumenti, eretti fra gli anni 170 e 240 d.C.. Tali monumenti, detti «Colonne del Cavaliere» (il termine tecnico è in tedesco Jupitergigantensäule), sono diffusi soprattutto nel territorio dei Lingoni e dei Mediomatrici, nel nord-est della Gallia, da cui si irradiano nella valle della Mosella, territorio dei Treveri. Ve ne erano ancora lungo il Reno, su entrambe le sponde del fiume, fino nella terra degli Elvezi (Altenburg). Esemplari isolati sono stati trovati anche nelle Fiandre, in Bretagna e nel territorio degli Arverni. Uno è stato rinvenuto addirittura in Britannia (Willingham Fen presso Cambridge).

Le «Colonne del Cavaliere» sono generalmente formate da un tamburo di base da cui si diparte la colonna vera e propria. Il tamburo o plinto è normalmente a due livelli, a quattro e a otto lati, su cui sono raffigurate le sette divinità planetarie o quattro divinità romane: Iuno, Mercurius, Hercules e Minerva. La colonna, alta diversi metri, è generalmente sormontata da un capitello corinzio. In cima al capitello è ritratto un Cavaliere che cavalca con solenne andatura, il mantello gonfio di vento; il fulmine di cui è armato veniva spesso realizzato in metallo in modo che riflettesse la luce imitando la traccia del lampo. A volte il Cavaliere impugna la ruota a guisa di scudo protettivo, come a Luxeuil (Haute-Saône), Meaux (Seine-et-Marne), Quémigny-sur-Seine (Côte-d'Or) e Obernberg (Baviera). Il cavallo calpesta con gli zoccoli un Anguipede, una sorta di gigante il cui corpo termina in una coda di serpente o di pesce, il quale giace al suolo schiacciato dagli zoccoli del cavallo. L' Anguipede è spesso barbuto, lo vediamo contorcersi dal dolore, mentre il suo viso ferito e i suoi muscoli tesi rivelano l'intollerabile peso del carico che lo sta schiacciando. In un caso, tuttavia, pare che l'Anguipede sorregga con le proprie mani le zampe anteriori dell'animale. Nel monumento rinvenuto nelle vicinanze di Mainz, l'Anguipede ha la testa che giace sotto lo zoccolo del cavallo e guarda a ritroso il cavaliere. Vi sono poi dei casi in cui il Cavaliere non monta a cavallo, ma si erge con le proprie gambe sul mostro, come nel monumento di Grand o in quello trovato a Waal (presso Nimega). Esemplari completi di questo monumento, come quelli di Mainz o di Trier, sono rari; generalmente possediamo solo dei frammenti della figura del cavaliere.

Che il Cavaliere sia da identificare con lo Iuppiter gallico lo si deduce unicamente dal fatto che qualche volta impugna la ruota. Un'indicazione secondaria può essere il fatto che in certi casi tali colonne sembrano avere come modello un albero di quercia in pieno rigoglio (il pilastro di Stoccarda [MUSEO] è decorato con foglie di quercia e ghiande) e la quercia era ugualmente sacra allo Iuppiter romano ed a quello gallico. A questo si unisce la notizia di Valerio Flacco che annota come la tribù dei Coralli (probabilmente celtica) venerava effigi di Iuppiter associate a ruote e pilastri (Argonautica [VI: 89]). Ma per quanto coerenti, queste sono solo vaghe indicazioni: non vi è certezza che la figura del Cavaliere sia davvero da identificare con Iuppiter. Nel caso tale identificazione sia corretta, si potrebbe forse dedurre che l'idea di collocare un'immagine del cio-cielo su un alto pilastro poteva nascere in parte dalla volontà di innalzarlo verso il cielo; il pilastro era dunque percepito come un ponte tra il mondo terreno e quello celeste (Green 1992). Al contrario, non si può fare a meno di notare che nel mondo classico non troviamo mai Iuppiter in veste di cavaliere, ragione per cui se ne deduce facilmente che l'immagine appartiene a buon diritto al simbolismo celtico.

Queste colonne sono state trovate fuori dalle città e dalle grandi vie di comunicazioni, per lo più tra le rovine di villæ ma anche nel letto di un fiume o nelle vicinanze di sepolcri. Ci sono degli esempi in cui il basamento di una pietra con quattro divinità è stato murato sotto l'altare di una chiesa cristiana. L'influsso romano è incontestabile, ma non si deve concludere che si tratti di monumenti romani (Riese 1898). Si è anche argomentato, con scarso fondamento, che tali monumenti fossero di origine germanica (Hertlein 1910).

È molto difficile decidere che cosa significhi effettivamente la scena. Chi o che cos'è l'Anguipede? In quale rapporto sta con il Cavaliere che lo sovrasta? Benoît è stato il primo a parlare di una versione celtica della Gigantomachia (Benoît 1954), ripreso in seguito dalla Green secondo la quale vi sarebbero alla base delle influenze mediterranee (Green 1992), cosa che De Vries aveva precedentemente negato (De Vries 1961). Sempre secondo la Green, ciò che tali colonne illustrerebbero è la lotta tra cielo e mondo sotterraneo, tra vita e morte, bene e male, luce e oscurità. Il gigante, con i suoi arti anguiformi, rappresenterebbe l'elemento ctonio e negativo, soggiogato dalla forza positiva del dio-cielo. Questo senza negare un rapporto dualistico, di interdipendenza, tra i due personaggi (Green 1998). In effetti sembra di capire che c'è stata una lotta, il Cavaliere ha vinto e ora schiaccia sotto di sé l'avversario; l'espressione di terrore dell'Anguipede s'accorderebbe con questa interpretazione.

Tra le altre teorie proposte nel corso degli anni, interessante quella di Haug, il quale, ritornando ritornando al tempo in cui certe parti della Gallia erano minacciate dalle invasioni dei Germani, ha immaginato che il monumento raffigurasse la vittoria dell'esercito romano sui barbari (Haug 1891). Hertlein ha invece pensato a una divinità terrestre in procinto di sorreggere il cielo (Hertlein 1910). Reinach ha visto nell'Anguipede le acque nascoste nelle profondità della terra (Reinach 1914). Jullian ha pensato invece alla vittoria del dio del sole (sempre interpretando la ruota quale simbolo solare) sulle tenebre (Jullian 1907-1920). E siccome le colonne nel territorio dei Lingoni si trovavano presso una sorgente o nel letto d'un fiume, Lambrecht ha voluto dedurre che il Cavaliere fosse un genio delle sorgenti, dei laghi o dei corsi d'acqua: un'ipotesi che altri autori hanno giudicato vaga e discutibile e non sempre in accordo con la situazione di altri reperti (Lambrecht 1949).

Alcuni studiosi sono convinti che non si possa assolutamente parlare di una battaglia. Difatti il mostro, in alcuni casi, come per esempio nella figurazione trovava a Saint-Malo in Bretagna, è donna. Questa circostanza ha portato Drioux a concepire nel gruppo il dio del sole e la dea della guerra (Drioux 1934): ma pure si tratta di un'interpretazione improbabile (gli esempi in cui il mostro è una donna costituiscono delle eccezioni isolate).

Ebbene, non conoscendo il mito non sapremo mai quali ipotesi siano giuste o sbagliate. Proponiamo qui, riallacciandoci in parte a Lambrecht, una possibile soluzione dell'enigma: il motivo indoeuropeo della lotta contro il serpente. Nel mito vedico, Indra, il dio-tuono, combatté e uccise il serpente Vṛtra, il quale tratteneva tutte le acque del mondo causando una siccità di portata cosmica. Possiamo allora vedere nell'immagine la lotta tra il dio-tuono e il serpente della siccità, ipotesi avvalorata dal fatto che le immagini nel territorio dei Lingoni si trovavano vicino a corsi d'acqua, forse per scongiurare il loro disseccarsi estivo. Che il mito indoeuropeo fosse conosciuto in area celtica è del resto testimoniato dall'omologo mito irlandese della lotta tra Dían Cécht e il serpente Méchi, le cui ceneri vennero poi disperse appunto nella corrente di un fiume.


FONTE:

Bifröst

_________________
We will touch the divine through kisses catharsis

- MORRIGAN's daughter -
- LOKI's lover -

"[...] e il nostro motto:
SiC GORGIAMUS ALLOS SUBJECTATOS NUNC...
Con delizia banchettiamo di coloro che vorrebbero assoggettarci... e non è tanto per dire! "
Morticia - The Addams Family

Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente http://themorrigan.forumfree.it/
Contenuto sponsorizzato




MessaggioOggetto: Re: Taranis / Iuppiter   Oggi a 3:50 am

Tornare in alto Andare in basso
 
Taranis / Iuppiter
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
 :: MAGICA ARTE :: I Templi delle Divinità Arcane :: Divinità-
Andare verso: