Ci siamo trasferiti a questo indirizzo: http://themorrigan.forumfree.net/
Vieni a trovarci sul nuovo forum!



 
PortaleIndiceGalleriaChatGuestbookFAQCercaRegistrarsiAccedi

Condividere | 
 

 Domande frequenti

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
g0rka
Admin
Admin


Femminile Numero di messaggi : 2013
Età : 27
Localizzazione : Avvolta dalle fiamme di Loki
Titoletto Personale : g0rka the trickster
Data d'iscrizione : 09.12.07

MessaggioOggetto: Domande frequenti   Sab Nov 29, 2008 6:48 pm

Si può essere wiccan e cristiani?

Assolutamente no! La Wicca è una religione e il Cristianesimo anche, avete mai sentito parlare di un ebreo buddista?? Spesso capitano persone interessate alle pratiche wiccan nonostante siano cristiani credenti. Il più delle volte si tratta di individui interessati solo alla magia che viene vissuta come un modo facile di migliorare la vita senza grandi sforzi. La scusa data in questi casi è che la magia che si vorrebbe imparare è a fin di bene, per aiutare gli altri...il più delle volte invece è solo per egoismo. Se si vuol far del bene usando anche la magia (anche se non essendo riconosciuta dalla chiesa un cristiano serio non dovrebbe proprio crederci) basta conoscere praticanti di stregoneria e chiedere a loro un intervento.



Qual'è il rapporto fra la Wicca e le altre religioni?

Poniamoci la domanda in modo diverso: Un Dio, essendo tale, può ritenere un nome qualcosa di così importante? Secondo la Wicca no. Quindi con qualsiasi nome si vogliano chiamare gli Dei, in qualsiasi modo si voglia strutturare un credo l'importante rimane crederci. Se si vuole essere cristiani ben venga come se si è ebrei, islamici, induisti e così via. La Wicca non si pone come verità assoluta né condanna chi credendo nel proprio cammino lo fa, sempre senza nuocere ad altri. In fondo nessuno di noi presenti, passati e futuri ha o avrà la verità assoluta in mano quindi giudicare una religione non è saggio, sia da un punto di vista spirituale o intellettuale sia da uno diplomatico, le guerre fra religioni diverse non hanno mai portato a nulla di buono. In molti wiccan si nota una certa diffidenza verso il Cristianesimo, non accesa quanto in altre forme di paganesimo il più delle volte, ma comunque presente e inquieta. Questo atteggiamento se pur comprensibile non si ritiene qui che vada imitato o assorbito. Alcuni errori storici della Chiesa sono ovvi e riconosciuti anche nel Cristianesimo. Si sente spesso dire che l'inquisizione non è finita, che si sviluppa in modo più subdolo ma comunque presente. Non si vuole negare la resistenza fatta nell'accettazione di una persona che vuole imporsi socialmente come strega ma si vuole porre una riflessione: accade solo con le streghe? Accade solo nei paesi dove è riconosciuto il Cristianesimo come religione ufficiale? Se la risposta che date è si, è opportuno dare una letta ad un paio di libri di storia delle religioni...



La Wicca ha qualcosa a che fare con il diavolo?

Nella Wicca il concetto di male separato dal bene è inesistente quindi, no. Il diavolo, satana, Lucifero (con le dovute eccezioni rispetto a questo nome che significa Astro, Luce e viene spesso usato per designare il Sole, il Dio Maschile privo però di ogni accezione cristiana) e via dicendo non sono altro che rappresentazioni del male assoluto e questo non è riconosciuto dagli wiccan. In alcuni casi il Padre viene rappresentato in modo simile alla iconografia satanica classica (corna, zoccoli, ecc) ma in realtà si tratta solo di una immagine - il diavolo cristiano riprende le fattezze del Pan pagano, divinità ben lontana dal male - , la Wicca non ha nulla a che fare con il satanismo né per esso ha spiccate simpatie, il rapporto che corre si può riassumere in: vivi e lascia vivere se non, spesso, in antipatie profonde. A questo proposito viene spontaneo chiarire anche il concetto di male da cui nasce poi una rappresentazione come il diavolo. E' il nostro modo di vedere le cose che le fa diventare buone o cattive e come tale è un concetto soggettivo, quello che è male per uno non lo è per l'altro. In molte culture vi sono differenze tali fra quello che è giusto e sbagliato da non poter fare una distinzione assoluta se non in termini di etica naturale delle cose. Il Rede elimina i dubbi: finché non fa male a nessuno... per non fare del male ci si deve rapportare al senso del giusto e sbagliato degli altri e non al nostro, buon lavoro. E poi, secondo un ragionamento filosofico, il male assoluto non può esistere, perchè dalla voglia di fare male, di distruggere, si distruggerebbe da solo! Ecco perchè un dio pagano può essere benevolo quanto spietato..sta a noi decidere come meglio usare la sua energia (e non siamo così sceme da usare quella negativa!)



Come sviluppare il potere personale?

Domanda fra le più quotate. Non esiste un modo assoluto e valido per tutti, ma la pratica religiosa della Wicca non si fonda solo su questo. Il potere personale, la magia, gli incantesimi troppo spesso sono l'unica attrattiva che molte persone sentono verso la Stregoneria, questo atteggiamento rende i Sacerdoti iniziati diffidenti e quindi indisponenti verso i più inesperti. Le leggende sulla magia si propagano come il fuoco, passate il correttore su films e romanzi, telefilms e cartoni animati. La magia è diversa, è complessa e difficile. Si deve studiare e apprendere nozioni maggiori di quante ne serviranno, necessita di fede e costanza. Senza di questo il Potere non solo non funziona ma soprattutto serve a poco quando non fa danni.



Dove posso trovare gli incantesimi?

Da nessuna parte! Se in rete o sui libri trovate un incantesimo dovrà comunque essere adattato e per farlo ci vuole esperienza e studio. Un incanto è come un vestito buono vecchio stampo, va fatto su misura. Se vi mettete lì a copiare riti altrui, nell'ipotesi più rosea non otterrete grandi risultati. Tutto quello che trovate dovrete adattarlo a Voi, al Vostro modo di essere e di praticare. Come capire qual'è il Vostro modo di praticare? Ah, questo non è un problema di altri wiccan. Ognuno di noi ha fatto le proprie ricerche e lavori magici di adattamento, fa parte del cammino e nessuno vi fornirà il piatto pronto, anzi, il chiedere questo appare agli occhi dei più esperti fastidioso quanto superficiale, è più serio se si ha un problema che non si riesce a risolvere oppure urgente (guarigioni soprattutto) chiedere semplicemente ad un sacerdote o ad una sacerdotessa di farlo al Vostro posto.



Cosa posso arrivare a fare con la magia?

Beh, difficile a dirlo. E' come iniziare a dipingere e chiedere se si diventerà Giotto, chi può dirlo. La magia è un'arte, o per meglio dire è L'Arte, è come tale deve essere sviluppata come una piantina: prima concimata, aiutata a crescere, innaffiata con regolarità, potata, curata e solo dopo permetterà di vedere i risultati in splendidi fiori. Così dovrete procedere lentamente e con attenzione: studiare, apprendere, allargare sempre le Vostre conoscenze, eliminare i difetti con l'esperienza, riprendere la strada dopo gli errori e solo quando questo farà parte della Vostra vita quotidiana senza confondervi e scoraggiarvi allora potrete capire fin dove potete arrivare.



Si dice che la mia prozia fosse una strega, lo sono anch'io?

Neanche per sogno! Non esiste un gene della Stregoneria e solo l'ipotesi è assurda. Queste sono leggende e nulla di più. Non esistono streghe genetiche come non esistono buddisti genetici.



Faccio sogni premonitori, leggo le carte e prevedo il futuro, sono una strega?

La preveggenza, come tutti i poteri "soprannaturali" sono presenti in tutte le persone. Alcuni ascoltano di più questi messaggi altri meno ma li vivono tutti. Averli non Vi rende migliori, speciali o particolari e meno che mai streghe!!!


Che cos'è una strega?

Eccoci, ci siamo! La domanda vera è questa. Una strega è semplicemente una praticante del paganesimo, una persona che è religiosamente pagana. Una strega non si sveglia un giorno perchè gli hanno detto che una parente era strega. Una strega non fa un rito e lo diventa. Una strega non è tale perché prevede il futuro, vede gli oggetti muoversi o vede fantasmi. Una strega non sente voci. Una strega non è necessariamente affascinante e magica. Una strega non ha la vita più facile perché è tale. Una strega è qualcuno che ha sentito gli Dei dentro di se e nel mondo che la circonda e ha ascoltato quel richiamo. Un richiamo religioso. Non fate le streghe per le leggende, non fatelo per sentirVi affascinanti, non fatelo per sentirVi forti...sareste solo ancora più deboli e insignificanti. Non sarete né persone né streghe, avrete perso.
Praticanti di un sistema di credenze, o religione, basati sulla natura. Non tutte le streghe hanno lo stesso sistema di credenze. Alcune/i praticano la cosiddetta "religione antica," che ha radici in tradizioni e credenze popolari pagane pre-monoteistiche, e che, in genere, si basa sul ciclo delle stagioni. Questi sistemi di credenze, o "tradizioni," delle Streghe si basano, spesso, sulla particolare cultura dalla quale hanno avuto origine. Molte Streghe credono in un sistema divino politeistico (di solito basato sugli Dei e le Dee locali della loro area di origine), ma alcune/i praticano, semplicemente, la Magia (in Inglese, a volte scritta con la 'k', per distinguerla dalla magia da palcoscenico). Le Streghe possono praticare sia da sole, come "solitarie", o in coven (congreghe-gruppi). Esistono anche gruppi familiari o tradizioni che fanno risalire le loro pratiche e credenze, nell' ambito dello stesso gruppo chiuso, a molte generazioni passate.



Stregoneria tradizionale:

Una forma moderna di Stregheria e' chiamata "Wicca." La Wicca Tradizionale e' basata sugli insegnamenti di Gerald Gardner, e' strutturata in congreghe, e ogni congrega traccia il suo lignaggio (linea di insegnamento tramandata da sacerdoti e sacerdotesse iniziati Tradizionali) a Gardner stesso. Esistono ramificazioni della Wicca Tradizionale Gardneriana, quali la Wicca Alexandrina, la Wicca Seax e molte altre. La Wicca Tradizionale e' considerata una religione 'misterica,' richiede iniziazione dal coven ed ha una "struttura a gradi," con diversi ranghi, basati sull' istruzione da parte del gruppo e sulla prontezza dell' iniziato ad accettare i doveri e le responsabilita' proprie del grado. Hanno un fulcro di conoscenze interiori -spesso chiamato il "Libro delle Ombre"- che solo i Wiccani iniziati conoscono. La maggioranza dei Wiccani Tradizionali credono nell' equilibrio della divinita' maschile/femminile. I Wiccani Tradizionali sono raramente solitari, ad eccezione di quegli 'Anziani' -in genere ex-sacerdoti e sacerdotesse- che si sono ritirati dalla partecipazione attiva nel gruppo.



Altre forme di Wicca:

Dagli anni Settanta si e' sviluppata una forma di Wicca piu' nuova, che ha una struttura e una pratica piu' flessibile rispetto alla Wicca Tradizionale. Questi praticanti possono seguire un misto di varie credenze pagane e/o non-pagane ("eclettici"). Alcuni hanno creato 'Tradizioni' o gruppi per conto proprio, con o senza un sistema a gradi, e hanno scritto un "Libro delle Ombre," delineando il loro sistema di credenze e struttura del gruppo. Molti sono praticanti solitari, che praticano il proprio credo e formulano i propri riti a modo loro.



Pagani:

Visto che i termini Strega e Wiccana/o sono spesso erroneamente scambiati, molti si chiamano semplicemente "Pagani" o "Neo-Pagani" nel parlare con persone che non hanno familiarita' con le complessita' dei diversi sistemi di credenze. Ma, nello stesso modo in cui non tutti i Cristiani sono Luterani o Cattolici, cosi' non tutti i pagani sono Streghe o Wiccani. "Neo-Paganesimo" e' un termine usato soprattutto per descrivere coloro che seguono una religione o sistema di credenze basati sulla terra. I Druidi e la tradizione Norvegese di Asatru sono considerati sistemi di credenze pagani, ma i loro aderenti non sono ne' Streghe, ne' Wiccani. Il Neo-Paganesimo non dovrebbe essere confuso neanche con il movimento "New Age," visto che i pagani si interessano quasi esclusivamente in religioni naturali o pratiche basate sulla terra, mentre la spiritualita' New Age attinge da molte fonti e tecniche spirituali esoteriche.



Fate orge rituali?

Queste dicerie derivano dalla nostra mancanza di tabu' per quanto riguarda il sesso. Non abbiamo alcuna regola che proibisca l' omosessualita', la nudita' o il sesso pre-matrimoniale. Il sesso, in quanto forza generatrice della natura, e' visto dalla maggioranza dei pagani come qualcosa di assolutamente sacro. Noi crediamo che l'atto d' amore fisico debba essere trattato con grande rispetto e responsabilita'.



Nella Wicca dopo la morte cosa succede?

Nella Wicca è accettata la teoria della reincarnazione. A differenza di molte dottrine però non si fanno "passi indietro", se si sbaglia non ci si incarna in animali o insetti bensì nuovamente in una persona che dovrà riaffrontare gli stessi blocchi. Al termine del processo evolutivo karmico si torna all'Uno rappresentato per facilità intuitiva nella Terra d'Estate (SummerLand), secondo la tradizione questa (situata in una sorta di dimensione parallela che si avvicina a questa attuale la notte di Samhain) convivono tutti gli esseri compresi quelli considerati mitologici come fate, elfi, ecc.



Nella Wicca esistono "peccati"?

Assolutamente no. Anche se si sbaglia non si ha una macchia nel proprio curriculum personale, l'errore lo si paga con la Legge del Tre e i conseguenti ritorni. In poche parole quelli che si possono danneggiare maggiormente siamo noi stessi. Il concetto di peccato come comunemente inteso non esiste, alcuni gesti e modi vengono sconsigliati ma non ci sono regole prescritte. Se ci si riflette concorderete che non esiste un gesto sbagliato o un gesto giusto: anche l'omicidio nel momento in cui diviene legittima difesa ha significati diversi. Ogni azione è giusta o sbagliata solo in relazione con la situazione intorno alla quale avviene, come tale è solo l'esperienza a portare quella saggezza che permette di scegliere la cosa adatta nel contesto in cui ci si trova e l'esperienza si fa sbagliando e pagando gli errori.



Si possono fare incantesimi "negativi" a qualcuno che ci ha attaccato?

No. O meglio, potreste ma vi tornano indietro. Al contrario di quanto affermato da molti la Legge del Tre non è solo un ritorno magico quindi qualsiasi rito si faccia contro di essa è inutile. Il gesto tornerà indietro lo stesso. Esistono però metodi per aggirare il problema, ma sta a Voi trovarli riflettendo su cosa preferite che Vi torni Tre.


Tratto da: Violet Fairy

_________________
We will touch the divine through kisses catharsis

- MORRIGAN's daughter -
- LOKI's lover -

"[...] e il nostro motto:
SiC GORGIAMUS ALLOS SUBJECTATOS NUNC...
Con delizia banchettiamo di coloro che vorrebbero assoggettarci... e non è tanto per dire! "
Morticia - The Addams Family

Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente http://themorrigan.forumfree.it/
 
Domande frequenti
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» orale matematica generale.domande frequenti
» Domande esame programmazione e controllo
» domande frequenti diritto del lavoro(prof. romeo)?
» diritto del lavoro cosa non fare? domande frequenti? prof. Romeo
» FILOSOFIA MEDIEVALE

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
 :: MAGICA ARTE :: Hocus Pocus :: Neofiti-
Andare verso: